12 Ott

MAXXI, i musei del futuro in digitale

Nuova edizione di Museum Booster Hack, la maratona digitale promossa dal MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, che quest’anno approda all’Aquila, nella cornice d’eccezione del Palazzetto dei Nobili, sabato 19 e domenica 20 ottobre 2019: 34 ore di tempo non stop e uno spazio condiviso, per far nascere idee che sappiano immaginare il museo del futuro attraverso l’utilizzo dei linguaggi digitali.

Design your game, è la sfida lanciata dal MAXXI per questa terza edizione, organizzata in collaborazione con Groupama Assicurazioni, con il sostegno di AESVI, Associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani e con il patrocinio del Comune dell’Aquila.

Museum Booster è il programma con cui il MAXXI, dal 2017, sostiene e ospita in via sperimentale progetti originali e innovativi che utilizzino i linguaggi digitali per ripensare l’esperienza di visita, i servizi al pubblico e i processi organizzativi di un museo. Si articola in Museum Booster Hack, un hackathon annuale per mettere a confronto professionisti e competenze diverse e proporre soluzioni innovative per reinventare l’esperienza museale; ed in Museum Booster Hub, che vede il MAXXI incubatore e luogo di sperimentazione per i migliori progetti presentati durante gli hackathon e non solo.

Tema di quest’anno sarà infatti il gaming, ovvero il mondo dei videogiochi, che rappresenta oggi una delle principali industrie creative e di intrattenimento al mondo e che molto  può offrire in termini di innovazione per arricchire l’esperienza museale.

L’hackathon è aperto sviluppatori, creativi, designer, maker, esperti di marketing e di comunicazione, storici dell’arte e in generale a chiunque abbia competenze ed idee per mettersi alla prova.

La partecipazione è gratuita ed è consentita a gruppi composti da un minimo di 4 a un massimo di 8 persone o a singoli individui che potranno creare il loro gruppo il giorno stesso dell’hackathon in modo autonomo o con il supporto dell’organizzazione.

Per iscriversi è necessario registrarsi compilando la scheda di iscrizione sul sito www.maxxi.art entro il 14 ottobre 2019.

Una giuria di esperti valuterà i lavori presentati dai vari team.

Al primo classificato andrà un premio di 4.000 euro e la possibilità di vedere il progetto realizzato in sperimentazione al MAXXI. Il secondo team classificato riceverà un premio di 2mila euro e il terzo di mille euro.

Giovanna Melandri

Sono particolarmente lieta che la terza edizione di Museum Booster Hack  si svolga all’Aquila, commenta Giovanna Melandri, presidente Fondazione MAXXI. L’Aquila è da sempre una città creativa, con tanti giovani, studenti, ricercatori, centri di eccellenza. E’ una città con lo sguardo rivolto al futuro, luogo ideale per ospitare questa iniziativa in cui le tecnologie più aggiornate si mettono al servizio dell’arte e della creatività. Sarà questo anche lo spirito di MAXXI L’Aquila, che aprirà nel 2020 e sarà una  piattaforma di creatività culturale, aperta, condivisa, al servizio della rinascita della città.

Pierluigi Biondi

Ringrazio il MAXXI per aver scelto la nostra città quale sede del Museum Booster Hack, aggiunge il sindaco Biondi. Una scelta particolarmente opportuna, perché siamo nell’anno del decennale del sisma ed è importante accendere i fari sul complesso percorso di ricostruzione che si sta portando avanti. Creatività, innovazione, sperimentazione: sono alcuni degli elementi su cui L’Aquila sta fondando la sua rinascita culturale, sociale ed economica. Gli stessi su cui dovranno contare quanti sceglieranno di mettersi alla prova con la maratona digitale. Un appuntamento che rappresenta un ulteriore segno di attenzione nei confronti del territorio, che ha già ospitato altre importanti iniziative promosse dalla Fondazione MAXXI stabilendo una connessione che diventerà ancora più salda con l’apertura del museo a Palazzo Ardinghelli, conclude il primo cittadino.